Alla scoperta delle tradizioni di Carbonara: il bar Eden serve il caffè da oltre cento anni

“Quattro generazioni per un caffè”. Suona come uno spot pubblicitario ma a conti fatti il bar Eden è in piazza Municipio a Carbonara da più di 100 anni. Attestata in documenti ufficiali la sua presenza già prima del 1913, l’attività fu iniziata dai coniugi Carmine Del Genio e Gelsomina. Poi arrivò la prima guerra mondiale e Carmine partì per il fronte. Pur facendo ritorno a casa, morì nel 1919 per complicazioni dovute al servizio prestato per la Patria. L’attività fu continuata da sua moglie, “Gisummina”, fino a quando i suoi figli divennero adulti e la ereditarono. Fu sua figlia Marianna detta “Nanninella” che insieme al marito Nicola prese in mano le redini del bar e attraversò indenne la seconda guerra mondiale e tutte le difficoltà economiche degli anni ’50 del ‘900. A quel tempo si chiamava Bar Del Genio. Poi l’economia migliorò e iniziò a dare un’occasione a tutti, e negli anni ’60 l’attività passò alla figlia di Nannina, Gemma, che insieme al marito Pasquale l’ha traghettata fino agli anni 2000. Ultimo della serie Elio, figlio della signora Gemma, che ormai ne ha fatto la sua attività principale, nonostante le difficoltà che si incontrano nei piccoli paesini, che subiscono la concorrenza impari dei grandi locali, oggi lounge bar, presenti nei paesi vicini, che offrono un richiamo più accattivante per i giovani ma che a volte durano pochissimi anni. Qui invece, in piazza, se ti siedi hai di fronte la cinquecentesca chiesa dell’Annunziata, il Municipio, tre dei palazzi più antichi di Carbo-nara. Fu proprio dal palazzo che ospita i locali del bar, che da uno dei balconi al primo piano, fu fatto ascoltare dalla radio il proclama di entrata in guerra di Mussolini. In questa piazza dove un tempo i contadini vendevano i prodotti della propria terra e dove i carbonaresi s’incontrano per bere un caffè, a settembre si festeggia San Michele, festa molto sentita dalla cittadinanza. Negli anni il bar ha cambiato ubicazione, spostandosi dal palazzo Sorrentini al palazzo Sorrentino, dove una volta c’era l’ufficio postale, e nome, ma è sempre stato qui, in piazza, tra politica e popolo, feste ed eventi tristi. Più di 100 anni di Storia. Adesso non ci resta che entrare e prenderci un bel caffè. 

Pietro Damiano
Il Pappagallo, anno XXI, numero 370, marzo 2017, pagina 13

Varchetta entra nella Città Metropolitana

Le dimissioni di Pentoriero a Melito “liberano” il seggio del Pd, che verrà occupato dal politico di Carbonara

Per la prima volta nella sua storia, il piccolo paese di Carbonara di Nola avrà un proprio consigliere in un organismo amministrativo superiore a quello dell’ente municipale. Stiamo parlando di Giovanni Varchetta, che a giorni diventerà a tutti gli effetti un membro del consiglio della Città Metropolitana di Napoli. Il professionista si era candidato, lo scorso mese di ottobre, nella lista del Partito Democratico ed aveva soltanto sfiorato l’elezione, risultando il primo dei non eletti della sua compagine. Ma, a distanza di quattro mesi, si registrato un colpo di scena: Agostino Pentoriero, consigliere comunale di Melito, ha l’altra settimana perso automaticamente il seggio in Città Metropolitana in quanto la sua Amministrazione Comunale è stata sfiduciata da un documento, sottoscritto dallo stesso Pentoriero e da altri dodici consiglieri, che ha determinato la decadenza del sindaco di Melito, Venanzio Carpentieri. Difatti, Pentoriero – approdato nel consiglio della Città Metropolitana di Napoli a seguito dell’elezione conquistata lo scorso autunno, sempre con la lista del Pd – deve formalizzare le sue dimissioni, in quanto non è più consigliere presso il suo Comune. Di riflesso, il primo consiglio utile del massimo organismo istituzionale partenopeo, che si dovrebbe tenere proprio in questo mese di marzo, sancirà ufficialmente la “surroga” con l’uscita di scena di Pentoriero e l’ingresso a tutti gli effetti tra i seggi del parlamentino della Città Metropolitana di Giovanni Varchetta. La sua ascesa, tra le altre cose, oltre a determinare dei vantaggi oggettivi per l’intera area nolana e vesuviana, in quanto rappresentante del nostro territorio, andrà interpretata adeguatamente anche nell’ottica della sfera locale carbonarese, tenuto conto che sono mesi ormai che Varchetta, insieme all’altro consigliere Simonetti, è fuoriuscito dalla Maggioranza retta dal sindaco Michele Paradiso, compagine con la quale è in aperta rottura, pur se i due componenti (Varchetta e Simonetti) non sono da considerarsi neppure a tutti gli effetti dei membri della Minoranza, con la quale restano intatte le divergenze di vedute sul piano politico ed amministrativo locale.

Il Pappagallo, anno XXI, numero 370, marzo 2017, pagina 13