Il servizio civile si mobilita: Carbonara grida "No alla violenza sulle donne"

La piccola cittadina carbonarese si tinge di rosa in occa­sione della giornata mondiale contro la violenza sulle don­ne. L'evento, programmato per domenica 29 novembre, rappresenta un messaggio di sensibilizzazione contro l'o­mertà che occulta storie ma­cabre di prepotenza verso il gentil sesso e di speranza per le vittime. L'idea nasce dalle dieci volontarie che quest'an­no partecipano al Servizio Civile: si tratta di Rosa Casalino, Rosa Cosenza, Cristina Sorrentino, Teresa Sorrentino, Egizia Policano, Angela Sepe, Angela Lauri, Assunta Sorren­tino, Giulia Cosenza e Rossel­la Sepe. «In quanto donne - ci dicono - non potevamo trala­sciare una delle problemati­che più gravi che affliggono oggi la nostra società. Abbia­mo dunque approfittato della Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, che è ricorsa il 25 novembre, per accendere un importante faro su quella che oggi sembra essere una vera e propria piaga sociale. E abbiamo deciso di farlo par­tendo dalla nostra piccola re­altà». Il convegno, che viene presentato in quel di Carbo­nara proprio dalle dieci volon­tarie, prende il nome di "Nem­meno con un fiore. Violenza sulle donne: presidi territoriali di prossimità" e vede la partecipazione delle più importan­ti cariche della comunità in collina. Sono attesi difatti gli interventi del sindaco Miche­le Paradiso, della psicologia psicoterapeuta, esperta in psicodiagnostica, dottoressa Gesualda Baldo, del maresciallo capo Gaetano Sarnataro e della dottoressa Giusy Rega, assistente sociale presso il Comune di Carbonara di Nola. L'incontro si svolgerà nella giornata di domenica 29 no­vembre, dalle 17:00, nella sala convegni "Gennaro Rainone" presso l'edificio scolastico.

Luana Cosenza

Il Pappagallo, anno XIX, novembre 2015, numero 340, pagina 13

Nessun commento: