Il 15 dicembre, la presentazione del libro “80 voglia di volare”

PALMA CAMPANIA
Grande è l’attesa che si vive a Palma Campania in occasione dell’evento culturale, durante il quale si terrà la presentazione ufficiale del libro "80 voglia di volare", il 15 Dicembre, alle ore 18, presso il Teatro Comunale. 
Un romanzo che ripercorre gli indimenticabili anni ’80, quelli che forse, più di tutti, hanno caratterizzato la storia del nostro Paese. Uno scritto a sei braccia, dei tre autori Pietro Damiano, Felicetta Simonetti e Francesco Iervolino, già conosciuti agli occhi del pubblico locale, che offre una panoramica dettagliata di quel periodo. Esperienze vissute in prima persona dagli autori nonché protagonisti. Storie di fanciulli diventati poi adulti che vivono e vedono attraverso i loro occhi lo sviluppo di una società fino ad allora rimasta indietro rispetto alle altre, realtà quotidiane che lasciano spazio alla consapevolezza dell’esistenza di un altro mondo, quello che si vede in televisione, quello che i protagonisti conosceranno grazie ad esperienze e viaggi talvolta brevi. Nuove città nuove realtà affolleranno gli occhi e le menti dei protagonisti.
Il racconto offre al lettore la possibilità di fare un tuffo nel passato ritrovandosi bambino, in quell’età dove tutto è visto con stupore, con meraviglia, dove tutto sembra irraggiungibile, fino ad arrivare all’adolescenza, con la voglia di andare via, con la voglia di farcela, anche commettendo degli errori, pur di crescere ed imparare a… volare.. Le storie scorrono veloci, ripercorrendo l’intero decennio e con esso esperienze, preoccupazioni, sconfitte e vittorie che, nonostante il passare degli anni e il susseguirsi degli eventi, continuano ad accomunare generazioni di ogni tempo!
Il Fatto Vesuviano - Redazione - 10/12/2013

80 Voglia di Volare



Presentazione del libro
Domenica 15 dicembre 2013, ore 18:00
Teatro comunale - Palma Campania (NA)

Nocciole, quadriglie e sapori: è il gran giorno di Carbonara di Nola

CARBONARA DI NOLA “Magie delle quadriglie, dei carri e dei sapori nelle antiche terre del Nocciolo” fa tappa a Carbonara di Nola. Il progetto ha il preciso obiettivo di valorizzare le eccellenze del Nolano e del Vallo di Lauro, terre ricche di cultura, folclore e di prodotti tipici di elevata qualità.
Si comincerà oggi alle ore 17,30, con la presentazione del terzo “Expò del nocciolo e dei sapori”, in piazza Municipio l’apertura ufficiale degli stand espositivi e gastronomici.
Domani, il clou alle 19,30 con il corteo aragonese di Palma Campania ed il gran finale a “colpi” di piatti con nocciole e “conditi” dagli altri sapori locali.
Il Fatto Vesuviano - 09/11/2013

"Expò del nocciolo" a Carbonara di Nola


Comuni ricicloni: promossi e bocciati di Legambiente

VESUVIANO E OLTRE Un solo Comune sopra il 60%, nessuno oltre il muro del 65% richiesto dalla normativa vigente entro il 2012. Ma sei Amministrazioni che hanno invece superato il 55%, soglia considerata ancora tollerabile da Legambiente ai fini del raggiungimento per il 2020 del 50% dei rifiuti riciclati. Insomma, più ombre che luci per quanto riguarda la raccolta differenziata sul territorio Vesuviano e nelle 16 città monitorate dal nostro quotidiano online. Al primo posto, 26esima in Campania, c’è Striano ancora regina dell’area, che tocca il 61% di differenziata e con un indice ambientale (Ipac) di 72,80.
Il Comune del sindaco Antonio Del Giudice è dunque primo in entrambe le classifiche. Seguono Palma Campania, Boscoreale e Somma Vesuviana, le sole che insieme a Carbonara di Nola oltrepassano il “muro” di tolleranza del 55% per quanto riguarda il 2012. Le ultime della classifica di Legambiente sono invece Pompei per quanto riguarda l’indice Ipac (36,55) e Poggiomarino per la raccolta differenziata: la città agrovesuviana, infatti, si ferma al 36%. Sotto al 40% vanno anche la stessa Pompei e Terzigno al 39%. Le altre città - da Boscotrecase a San Giuseppe Vesuviano - vanno dal 47 al 40% di raccolta differenziata, anche se la località boschese, insieme a Pollena Trocchia, conquista uno dei primi cento posti della graduatoria regionale.
Accettabile la performance di Nola: la città con tanti abitanti ed un territorio molto esteso tocca infatti il 41%. Nella foto correlata all’articolo è inoltre possibile consultare la classifica dei Comuni vesuviani sia dal punto di vista della differenziata nuda e cruda che del calcolo Ipac: in verde le migliori tre città, in bianco la terna delle peggiori. Sul sito web di Legambiente Campania è invece possibile leggere l’intera relazione. Infine l’ultima “stoccata”: nessuna menzione speciale per le Amministrazioni vesuviane, lo scorso anno Striano raggiunse un enorme successo per il riciclo dei materiali ferrosi.

Il Fatto Vesuviano - Mariano Rotondo - 30/10/2013

Carbonara di Nola. Anteprima del film “Un amore a battito di noci”

CARBONARA DI NOLA. In occasione della tappa cittadina dell’Expo’ del Nocciolo e degli Antichi Sapori, che vede collaborare i comuni di Carbonara di Nola, Palma Campania, Saviano, Pago del Vallo di Lauro, Taurano, nelle serate del 9 e 10 novembre verrà presentata l’anteprima del film “Un amore a battito di noci”, un prodotto interamente made in Carbonara, che vede alla regia Francesco Maglioccola.
Un’iniziativa assolutamente inedita per la località ai confini della provincia napoletana; è la prima volta nella sua secolare storia, infatti, che finisce nell’obiettivo di una telecamera la realtà cittadina devota ai SS. Cosma e Damiano. 
Si tratta di una storia che racconta l’amore che sboccia tra due ragazzi lungo i percorsi del paese collinare, percorrendo la storia e le tradizioni del luogo, mettendo in risalto la genuinità delle persone e della natura circostante, mediante le quali si sviluppa e si snocciola la sceneggiatura del cortometraggio. 
“Carbonara è un po’ come casa mia – ci svela Maglioccola – e lo spunto per questo progetto nasce dal desiderio degli stessi protagonisti dell’evento di portare a conoscenza del grande pubblico l’immagine positiva del paese. Inizialmente, s’era pensato di realizzare un libro, un documentario su Carbonara, ma alla fine l’idea che ci è sembrata più convincente è stata quella di un film, che rispecchiasse in presa diretta le caratteristiche del paese, le sue usanze e tradizioni”.
Fanno parte della troupe, oltre al regista Maglioccola, il cameraman Fabio Miele ed il fonico Mariapia Albano; responsabile dell’evento è Adolfo Carrella, responsabile politico del Forum dei Giovani di Carbonara, coadiuvato dall’organizzatore dell’evento, Pietro Damiano. Il cast di attori è ricco ed assortito e vede, tra gli altri, i protagonisti della storia d’amore, ossia i giovani Francesco Nunziata ed Assunta Sorrentino.
Per ulteriori informazioni, è possibile visitare la pagina dedicata sul social network di Facebook.

http://www.laprovinciaonline.info - La redazione - martedì 29 ottobre 2013 ore 16:43

C'è una perdita d'acqua? Meglio non chiamare la GORI

Carbonara di Nola - Carbonara fa acqua da tutte le parti. Ma, almeno questa volta, le prime piogge autunnali non c’entrano un bel niente. Ad “inondare” una delle strade del paese è la perenne perdita d’acqua che si manifesta lungo il percorso urbano di traversa via Sansonetto, a ridosso di via Casmez. 
E’ da un anno che la problematica si trascina e questo sebbene ogni mese gli operatori della Gori, l’azienda che gestisce il servizio idrico cittadino, effettuino una manutenzione. Ma con scarsi e inconsistenti successi. I residenti protestano e chiedono una soluzione definitiva al disagio, anche perché lo spreco d’acqua è immane e finisce col ricadere sui costi che il servizio stesso comporta. Con la spiacevole eventualità di vedersi recapitare, a domicilio, una cartella salata per colpe non proprie.

Residenti in rivolta a via Sansonetto a Carbonara: “Perdita d’acqua eterna”

(02/10/2013 - Il Giornale Locale - Antonella Chiarolanza)

Su facebook puoi taggarti ovunque, tranne che a Carbonara di Nola

CARBONARA DI NOLA - "Come ti senti oggi? In quale luogo ti trovi?". Risposta a quest’ultimo quesito: Carbonara di Nola. E’ a questo punto che si inceppa il motore di ricerca di Facebook, il social network che imperversa ormai da qualche anno nella Rete. Il motivo? E’ semplice: Carbonara di Nola non è contemplata nelle opzioni geografiche del sistema ideato da Mark Zuckerberg. Ci sono Palma Campania, San Gennaro Vesuviano, Nola, San Paolo Bel Sito e tante altre località a noi più prossime, ma Carbonara non c’è. Il cosiddetto “facebook luoghi”, l’applicazione che dovrebbe aggiornare parenti e amici e conoscenti sul luogo dove ci troviamo, ha dunque fatto cilecca. Condividere il luogo in cui cisi trova permette di sapere se una persona a cui teniamo si trova nello stesso posto, magari per incontrarsi. Ma come si fa a far sapere ai propri amici di trovarsi a Carbonara di Nola? Spiacenti: il paesino non compare nel database dei luoghi registrati all’interno del social network. Tutta colpa di questa tecnologia imperfetta o del paesino che non vuole venire allo scoperto? Qualche carbonarese doc sta già pensando di inoltrare un reclamo ufficiale a Zuckerberg.


(30/09/2013 - Il Giornale Locale - Antonella Chiarolanza)

Festa dei Santi medici Cosma e Damiano

La comunità parrocchiale di Carbonara di Nola Ti invita a prendere parte ai Festeggiamenti in onore dei Santi Medici Cosma e Damiano... TI ASPETTIAMO!!!
 

Orgoglio Vesuviano, le canzoni degli autori della nostra Terra

Lunedì 16 settembre 2013, alle ore 20:00, presso la Fiera Vesuviana di San Gennaro Vesuviano, un'occasione da non perdere: la serata dell'Orgoglio Vesuviano. Verranno eseguiti brani indimenticabili della canzone classica napoletana di autori del territorio vesuviano:
  • Enzo Bonagura, di San Giuseppe Vesuviano, autore di Maruzzella, Scalinatella, ecc.;
  • Adolfo Genise di Sarno, autore di Come le rose, Campagnò, Suonne e fantasia, ecc;
  • Agostino Nappo di San Giuseppe Vesuviano, autore di Campagnola vesuviana, Vintun'ore, ecc.;
  • Giuseppe Casillo di San Giuseppe Vesuviano, autore di L'ammore è pazzo, Lassame, ecc.
  • Gennaro Carbone di San Giuseppe Vesuviano, autore di Cielo e mare ‘e Surriento, Ammore amaro, ecc. 
  • Giovanni Ingenito di Palma Campania, autore di Che chiagne a fa, Quanno a femmena vò, ecc.
  • Gennaro Rainone di Carbonara di Nola, autore di Suonne sunnate, Te voglio bene, Marenà, ecc.
I brani saranno eseguiti dagli artisti: Gino Saggese, Salvatore Giugliano ed Ernesto Nappi, Pietro Rainone e Claudio Caliendo.
Il corpo di ballo della scuola Mondo Danza eseguirà alcuni balletti sulle le musiche delle canzoni eseguite durante la serata. 
Presenta la serata Pasquale Iorio, giornalista de "Il Mattino".

Vi aspettiamo tutti, ingresso gratuito.

Cose della Vita

"Non posso salutare tutti, dovrebbero alzarsi e poi io dovrei baciarli sulle guance. Tanti prima di me lo hanno già fatto: giovani, belle donne, uomini, vecchi. Mi fa un po’ schifo sentire il loro odore."


Frammenti di Vita (su teli di sacchi)

Scarica il libro fotografico, in versione digitale, "Frammenti di vita (su teli di sacchi)" a cura di Pietro Damiano, pubblicato nel mese di settembre del 2010 per celebrare la mostra fotografica allestita in occasione del Bicentenario della Istituzione del Comune di Carbonara di Nola (1809-2009).

Le Foglie di Verlaine

"Lasciamo i nostri desideri uscire dal corpo come onde di un mare in tempesta. Lei sbatte su di me come acqua sugli scogli." 

Scarica formato epub

Giovanni e le 12 bombe sotto casa

Giovanni  Casalino
A Giovanni Casalino è sparito il sorriso dalla faccia, in un attimo. Ieri sera, verso le 21:00, ha trovato a ridosso dei campi, e poco distante dalla sua abitazione in Via Cavaliere Gennaro Santorelli, 12 bombe da mortaio di fabbricazione inglese, risalenti alla seconda guerra mondiale, di cui 10 fumogeni e 2 ad alto esplosivo. Passata l’incredulità del momento, ha subito avvisato il comandante della locale stazione dei Carabinieri, il maresciallo Massimo Grimaldi, che è prontamente intervenuto insieme ai suoi uomini, isolando la zona d'interesse ed allontanando le persone dalle abitazioni adiacenti.
Operazioni di bonifica
È stato subito attivato il personale del nucleo artificieri dei Carabinieri della 6ª sezione del reparto operativo di Napoli il quale, giunto sul posto alle ore 05.00 circa, ha classificato i manufatti ritrovati in 12 bombe da mortaio, di cui due ad alto potenziale esplodente, tutte da 2 pollici, di nazionalità inglese e risalenti al secondo conflitto mondiale.
Informato telefonicamente, il funzionario di turno della Protezione Civile presso la Prefettura di Napoli, ha disposto l'intervento sul posto di personale del 21° Reggimento Genio Pionieri di Caserta, per tutte le operazioni di detonazione e rimozione.
Personale del 21° Reggimento Genio Pionieri di Caserta
Verso le 11.30 circa, gli artificieri sono giunti sul posto, unitamente a personale del 118, e dopo aver opportunamente classificato le 12 bombe da mortaio di fabbricazione inglese, 10 Smoke e 2 HE, ne hanno organizzato il trasporto presso una cava abbandonata a Palma Campania, dove, mediante l'utilizzo di esplosivo plastico e tritolo, sono state fatte esplodere. 
Alle 13:15 è finito l'incubo, e Giovanni Casalino ha finalmente ritrovato il sorriso.

Carbonara di Nola, 3 agosto 2013

Ritrovati ordigni bellici risalenti alla II Guerra Mondiale

Ritrovate a Carbonara di Nola, in Via Cavaliere Gennaro Santorelli, 12 bombe da mortaio di fabbricazione inglese, di cui 10 fumogeni e 2 ad alto esplosivo. Bonificata l'area. Seguirà ampio approfondimento. 03/08/2013 


Furto di rame, quattro ladri rom arrestati

Nuovo furto di rame, stavolta nell'area PIP di Lauro. L’oro rosso continua a "tirare" tra i ladri, sempre florido il mercato nero come dimostrano i furti a ripetizione sia nell'area nolana che nel vicino circondario del Vallo di Lauro. Stavolta erano in quattro, tutti di etnia rom, i malviventi che si sono addentrati nella zona industriale della cittadina del Vallo per rubare rame in alcune aziende presenti nell'area. I quattro però non sono sfuggiti ai carabinieri della vicina stazione di Carbonara di Nola che proprio qui li hanno intercettati ed arrestati. Oggi il processo per direttissima.

ilgiornaleLocale.it
26/07/2013

Cade da scala, grave operaio

CARBONARA DI NOLA
Un operaio 38enne di Carbonara di Nola è caduto da una scala mentre stava lavorando in fabbrica. L’episodio è accaduto a Domicella, in provincia di Avellino, presso un’azienda dell’area industriale specializzata nella lavorazione del ferro e dove l’uomo presta servizio come manovale da alcuni anni.
Il lavoratore è stato soccorso dai suoi colleghi che hanno immediatamente avvertito un’ambulanza arrivata prontamente sul posto. Il 38enne è stato trasportato all’ospedale Santa Maria della Pietà di Nola dove al momento si trova ricoverato in prognosi riservata. L’uomo ha riportato diverse fratture ed un’emorragia cerebrale, ma pur essendo in gravi condizioni non sarebbe in imminente pericolo di vita.
Su quanto accaduto indagano i carabinieri della Compagnia di Baiano, in Irpinia, che stanno cercando di capire se l’operaio ferito avesse adottato tutte le misure di sicurezza mentre svolgeva le proprie mansioni. Controlli, naturalmente, anche per l’azienda a riguardo delle precauzioni messe a disposizione delle maestranze.


Il Fatto Vesuviano - 25/07/2013

Vincenzo Peluso: una vita da attore

«La mia? Una vita normalissima!». Sorride sulle sue parole, Vincenzo Peluso, l’attore e regista italiano che in questi giorni è tornato al “suo” paese per una breve vacanza e, con piacere, ricorda le sue radici, per metà carbonaresi. Lascia la Campania per inseguire il sogno di calcare il palcoscenico e conquistare il grande pubblico e dal suo esordio nel ’92, da allora, non ha più smesso. Dal paesino di Carbonara di Nola abbandona la vita “da provinciale” per iniziarne una nuova: quella cittadina. Lo abbiamo visto protagonista di svariati filme serie televisive: da Il ladro di bambini, Quello che le ragazze non dicono a Il commissario Montalbano e Rosso San Valentino. Molti, troppi per ricordarli tutti. Tornerà da protagonista sul set che già lo attende per girare scene della nuova serie di “Un caso di coscienza”. «Da sempre il cinema è il mio mestiere, pur non avendo mai esordito su un palcoscenico teatrale. Faccio teatro sì, ma il mio teatro», così si racconta. «Dal teatro al cinema, oggi ormai il palcoscenico è per pochi, è l’élite di quei pochi che possono irrompere sulla scena e fare questo “mestiere”. Un mestiere in cui bisogna avere piena consapevolezza di cosa sia la bravura, il talento, quello innato, quella dote che, come si suol dire, si ha nel Dna», continua lo stesso attore. «Non da sottovalutare anche la consapevolezza dell’estetica, del “bello”, qualità di cui oggi molti registi sono a caccia». Ma il famoso personaggio carbonarese non smette di stupire il suo pubblico. Lo ritroviamo, infatti, anche nelle vesti di regista, tanti i cortometraggi da egli stesso diretti. Inoltre, nei suoi programmi futuri, si cimenterà nella creazione di un lungometraggio, per cui va “a caccia” di un produttore. «E da regista?», riflette prima di rispondere il famoso Peluso. «Da regista sono spietatamente rigido. Ci si deve avvalere di questo per riconoscere il vero talento, che è la stoffa per andare avanti, perché la bellezza non è tutto. Bisogna formarsi, convincersi che le scuole di recitazione servono davvero, dove maggiore è la formazione maggiore sarà il livello attoriale», conclude lo stesso. Eppure nonostante la vita cittadina, quella affollata rispetto alla piccola provincia, ciò non basta a fargli dimenticare ricordi e sentimenti che lo legano al paese carbonarese, dove ha trascorso «una grande “fetta” d’infanzia», così ricorda. «Bellissimi i ricordi che ho degli amici, delle “scorribande”, volendo dirla alla Troisi. Sono legatissimo a questo paese a cui devo tanto. La genuinità dello stesso, la sincerità dell’amicizia vissuta tra le stradine. Insomma, Carbonara mi ha lasciato dei valori che in città non avrei mai potuto acquisire. Da non dimenticare l’aria che si respira, quella sana, quella che non ritrovo in nessun luogo se non ritornando qui. Ciò che ricordo con piacere è la tradizione che oggi sembra si sia persa: tradizionale era il “passeggio” dei giovani che si incontravano di sera, ma anche le feste di paese la cui illuminazione era una vera e propria gioia». Ed oggi? «Creiamo un diversivo. Un luogo in cui invitare gente, un luogo in cui si dia spazio ai giovani, a chi voglia essere alla luce dei riflettori. Allora, mi chiedo, perché non creare un teatro?»

Antonella Chiarolanza
Il Pappagallo, Anno XVII Numero 288, Luglio 2013, Pag. 28

Roghi agricoli, è emergenza

CARBONARA DI NOLA 
Emergenza roghi agricoli nel piccolo Comune a metà tra il Vesuviano ed il Nolano. Cittadini e comitati civici locali segnalano infatti decine di incendi appiccati dai coltivatori ai campi verdi, lingue di fuoco che prendono corpo soprattutto sulla zona collinare.
E proprio l’area del Nolano, negli ultimi giorni, è stata al centro di decisioni radicali da parte dei sindaci. L’ultimo caso a Visciano, dove il primo cittadino con un’ordinanza ha ufficialmente vietato agli agricoltori di appiccare le fiamme nei loro terreni. Tuttavia, per quanto riguarda Carbonara di Nola, lo scenario è ai limiti del dramma.
Percorrendo l’A30, all’altezza del casello di Palma Campania, sono spesso visibili le nubi di fumo tossico sprigionate dai roghi.E i movimenti locali chiedono all’Amministrazione di agire con forza in merito alla problematica, chiedendo un provvedimento “ad hoc” per punire chi non rispetta un divieto che potrebbe arrivare a breve.

Il Fatto Vesuviano - 09/07/2013

Sospensione erogazione idrica


Sospensione erogazione idrica dalle ore 21:00 di lunedì 24/06/2013 fino alle prime ore del mattino di martedì 25/06/2013   


Piscina comunale e Forum card: firmata la convenzione con il comune di Liveri (NA)


Vincenzo RAINONE - Adolfo CARRELLA - Raffaele COPPOLA
Presidente Forum dei Giovani - Delegato Politiche Giovanili - Sindaco di Liveri (NA)

«Di questi tempi non è poco risparmiare per un’attività ludica, perché è vero che c’è la crisi, ma non bisogna per questo privarsi di tutto. Si è giovani una sola volta nella vita. Il concetto di rete permette anche agli Enti privi di strutture sportive, di offrire servizi ai propri cittadini senza rinunciare ai vantaggi del bene pubblico. La convenzione con il comune di Liveri ne è la prova.» (Adolfo Carrella - delegato alle politiche giovanili Comune di Carbonara di Nola)

Nei prossimi giorni ampi articoli su "Il Pappagallo", e sui principali siti d'informazione on line

"Ti amo tanto..." per le strade di Carbonara


Piacevole risveglio per i carbonaresi stamattina, che si sono imbattuti nella bellissima ed ennesima dichiarazione d'amore di due fidanzatini. Alcuni manifesti hanno tappezzato le strade cittadine, e i versi della canzone di Jovanotti, "A te", anche senza musica, hanno riecheggiato nell'aria. Quinto anniversario d'amore.
Unico dubbio: chi dei due ha detto all'altro/a "Ti amo tanto..."?

Cibo avvelenato per cani

"Ci sono delle persone che lasciano cibo avvelenato per strada causando la morte dei malcapitati cani che lo mangiano. Il bilancio è di 4 cani morti, di cui uno solo randagio." 

Segnalazioni come questa ci pervengono tramite Facebook. Invitiamo chiunque abbia notizie o possa indicare i nomi dei responsabili, di denunciarli anche in forma anonima alle autorità competenti.