Per i 150 anni dell’Unità rinasce la "Terra di Palma"

L'iniziativa Palma Campania, Carbonara di Nola e San Gennaro Vesuviano insieme per la celebrazione

Per i 150 anni dell'Unità rinasce Terra di Palma

 
Tre municipi, tre sindaci, tre territori. Un unico obiettivo: fondersi per celebrare i centocinquant'anni dell'unità d'Italia ad un alto profilo culturale. Ai piedi del Vesuvio rinasce l'antica Terra di Palma, l'immensa distesa che un tempo comprendeva Palma Campania, San Gennaro Vesuviano e Carbonara di Nola. I sindaci dei tre Comuni, infatti, hanno sottoscritto un protocollo d'intesa che li vedrà insieme ad onorare l'importante traguardo che ha permesso alla penisola di essere unita nel tricolore. L'iniziativa punta a recuperare dal passato fatti e personaggi della Terra di Palma che hanno dato un contributo di pensiero ed azione al Risorgimento, rafforzando così il sentimento di appartenenza ad una comune nazione. Sarà anche l'occasione per riflettere in particolare sul Meridione e sugli irrisolti problemi che hanno caratterizzato il periodo post-unitario, trasmettere il senso e la coscienza di una storia che unisce i tre centri e promuovere, infine, manifestazioni che possano suscitare energie, risorse, intelligenze presenti sul territorio e che non si proiettino verso l'effimera esibizione spettacolare fine a se stessa, ma verso la costruzione di un significato comune. «L'Unità d'Italia è un bene comune e costituisce un tesoro insito nel cuore di tutti gli italiani - sottolineano i tre sindaci - il nostro organismo culturale lavorerà in nome dell'antica Terra di Palma promuovendo una serie di eventi poi inseriti in un unico cartellone di appuntamenti che durerà un anno intero, da novembre 2010 a novembre 2011, e si chiuderà in coincidenza con le giornate russiane dedicate al comune eroe Vincenzo Russo. Verranno coinvolte scuole e istituzioni - aggiungono i primi cittadini - per un progetto che diventerà, negli aspetti operativi, anche itinerante. Alcune manifestazioni, infatti, seppur organizzate da un singolo comune verranno allestite anche negli altri territori così da assicurare la massima partecipazione. L'anniversario dei 150 anni è una felice occasione per un nuovo innamoramento dell'essere italiani - concludono i sindaci - e per costruire un percorso culturale di altro profilo che diventi stella polare per i nostri giovani». Ciascuna amministrazione finanzierà le manifestazioni di sua competenza, mentre gli eventi comuni avranno un bilancio condiviso.
 

La commissione - Un gruppo di lavoro per promuovere iniziative e studi

Vincenzo Carbone, Aniello Giugliano ed Anna Carmela Rainone - rispettivamente sindaci di Palma Campania, San Gennaro e Carbonara di Nola - a breve nomineranno un'apposita commissione per le celebrazioni che sarà il braccio operativo delle tre amministrazioni. Oltre ai primi cittadini all'organismo prenderanno parte anche nove componenti - tre per ogni comune - scelti al di fuori del consiglio comunale tra studiosi e personalità del mondo della cultura. La presidenza della commissione, con buona probabilità, verrà affidata ad un personaggio di chiara fama del mondo accademico ed esterno al gruppo di lavoro che, invece, al suo interno sceglierà un coordinatore ed un segretario.

Nessun commento: