Luci della ribalta per Luigi Alfano e il suo "parlare inverso"

Luigi Alfano, noto per il suo “parlare inverso”, nei prossimi giorni parteciperà ad uno spettacolo teatrale di cabaret e ad un programma televisivo.
Il 6 gennaio alle ore 21.00 sarà ospite dello spettacolo “Ciccio and friends show” a Sant’Antimo (NA), presso il Kevin caffè alla Via Roma n. 60, insieme ad altri giovani di talento.
Il 13 gennaio invece, dalle ore 21:00, sarà ospite della trasmissione televisiva “Pazziammo e pariammo”, trasmessa su Tele A canale 18, condotta da Angelo Martino.
Non ci resta che seguirlo e augurargli ni accob la opul o in bocca al lupo. Fa lo stesso.





Luigi Alfano, famoso per il suo “parlare inverso”

Storie: intervista al giovane talento

Il ventiduenne di Carbonara ha scoperto quest’innata capacità sui banchi di scuola ed ora partecipa a vari programmi televisivi di successo

Luigi Alfano e Sergio Friscia
Luigi Alfano, 22 anni da Carbonara di Nola con un talento innato: parla al contrario. Lo spiazzamento è assicurato quando lo senti parlare correntemente e con fluidità quella che lui definisce "La lingua inversa". Ma come te ne sei accorto? «A scuola prendevamo in giro un nostro professore, e per non farmi capire da lui iniziai a parlare all’incontrario. I miei amici rimasero stupiti, ma si abituarono. Nessuno di loro riusciva a farlo come me. Divenni una star tra i corridoi dell’istituto». E poi? «Iniziai a partecipare come pubblico a varie trasmissioni televisive (Uomini e Donne e Tu si que vales). Al programma di Maria De Filippi fui coinvolto in un siparietto tra Tina Cipollari e Gemma ed ebbi la mia prima apparizione televisiva. Uno dei miei sogni, quello di apparire in tv, si stava realizzando». Come sei arrivato al programma Ah Ah Car su Rai4? «Durante la mia partecipazione come ospite a Tu si que vales, mi feci notare per la mia capacità di parlare all’incontrario, così mi diedero i contatti per partecipare ai provini di una nuova trasmissione che a novembre sarebbe andata in onda su Rai4, condotta da Sergio Friscia e Barty Colucci». E come è andata? «Partecipai al provino a Napoli, al teatro Sancarluccio, e fui scelto. Registrai la puntata il 25 ottobre a Roma che è andata in onda il 25 novembre. Sono in attesa di sapere l’esito». Questo talento ti ha portato notorietà? «Dopo la mia apparizione in Tv, vengo spesso fermato da persone che mi riconoscono e mi chiedono di dare una prova dal vivo della mia capacità». Con quali risultati? «Rimangono tutti stupiti e senza parole. Cercano di farlo anche loro ma non ci riescono. Spesso per mettermi in difficoltà, mi chiedono di dire all’incontrario alcuni scioglilingua, ed io, senza alcuna difficoltà, li accontento e li stupisco». 
Ti auguriamo tanta fortuna e ora salutaci con uno scioglilingua inverso: «Arpos al acnap al arpac apmac, ottos al acnap al arpac aperc». 

Pietro Damiano
Il Pappagallo - Anno XX - Dicembre 2016 - Numero 365 - Pagina 11

Sicurezza sul lavoro, denunce a Palma, San Gennaro e Carbonara di Nola

Continua l’attività dei carabinieri per ciò che concerne il lavoro nero e la sicurezza sui luoghi. Le varie stazioni hanno infatti effettuato controlli sui territori di Palma Campania, San Gennaro Vesuviano e Carbonara di Nola, procedendo a cinque denunce, due sospensioni di aziende e al sequestro di un cantiere. Nello specifico, i militari della stazione di San Gennaro, con personale della direzione territoriale del lavoro di Napoli e dell’asl-napoli 3 sud hanno proceduto a denunciare un imprenditore bengalese di 39 anni residente a Palma Campania, titolare di una ditta tessile a San Gennaro che teneva alle sue dipendenze due connazionali non in regola con le norme sull’immigrazione. Nei suoi confronti è stato adottato il provvedimento di sospensione dell’attività.
Tanto lavoro per i carabinieri a Carbonara di Nola, dove con personale dell’ufficio tecnico del comune, hanno svolto controlli in un cantiere edile per la costruzione di un’abitazione privata su più piani, in località Bosco di Carbonara, riscontrando difformità nella realizzazione dei lavori rispetto al progetto originario: piano terra più alto e assenza di tramezzature per ampliare lo spazio disponibile. Denunciati i direttori dei lavori, un 56enne e un 55enne del posto, e il proprietario del terreno su cui insiste lo stabile, un 59enne di San Gennaro Vesuviano, per aver eseguito interventi con variazioni essenziali. Il cantiere è stato sequestrato.
Inoltre, sempre sul territorio carbonarese, è stato controllato un opificio di proprietà di un cittadino bengalese di 27 anni, residente a Palma Campania, in cui sono state riscontrate violazioni in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro: scarse condizioni igieniche, presenza di scatoloni e materiale vario che ostacolava le vie di fuga in caso di emergenza, e macchine da cucire sprovviste dei dispositivi di sicurezza.
Infine, a Palma Campania, le verifiche hanno portato alla denuncia di un imprenditore 41enne del Bangladesh, residente nello stesso comune vesuviano, titolare di una ditta tessile in città che dava lavoro, a nero, a 15 connazionali non in regola con le norme sull’immigrazione. Sono state contestate violazioni amministrative per trentaseimila euro ed è stata sospesa l’attività.

Di Roberto Villano - 21 dicembre 2016 - www.obiettivonotizie.it

Sarno. Incidente sul monte Saro, ferito escursionista del nolano

Cade nel vuoto facendo un volo di diversi metri l'escursionista che ieri pomeriggio da Carbonara di Nola si era recato a Sarno sul monte Saro approfittando della bella giornata per una passeggiata salutare. L'episodio si è verificato ieri pomeriggio quando l'uomo proveniente dal napoletano si era recato nella zona per approfittare della bellezza della natura per trascorrere un pomeriggio a fare trekking quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è finito in un burrone. A lanciare l'allarme sarebbe stato un altro escursionista che subito ha messo in moto la macchina dei soccorsi. Il problema è che l'uomo di Carbonara di Nola era finito in una posizione scomoda per essere recuperato ed era ferito quindi non riusciva nemmeno lui ad uscire dal burrone in cui era finito. Per aiutare l'escursionista è stato effettuato l'elisoccorso del corpo Nazionale di Soccorso Alpino Speleologico insieme al 118: il personale sanitario e il corpo speciale sono intervenuti con l'elicottero e sono riusciti a recuperare l'uomo che è stato trasportato d'urgenza al Ruggi di Salerno per ricevere le cure del caso. Per fortuna le sue ferite non sono state fatali e quindi l'uomo dopo l'incidente in montagna è stato soccorso dell'ospedale e non è in pericolo di vita.

Sarno - 19/12/2016 - Autore: La Redazione
www.puntoagronews.it

Raccolta di beni per Amatrice: Carbonara c’è

In tanti hanno risposto all’appello dei volontari di Protezione Civile dell’associazione nazionale Vigili del Fuoco in congedo


In tanti hanno risposto all’appello fatto, la scorsa settimana a Carbonara di Nola, dal gruppo di Volontari di Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in Congedo, in merito alla raccolta di beni da distribuire alle popolazioni vittime del terremoto. Proprio alla luce dei recenti e nefasti avvenimenti che hanno colpito i centri di Amatrice e Norcia, i giovani volontari sono intervenuti personalmente aiutando, con il contributo di molte comunità della nostra area, i paesi distrutti dal sisma. A fronte della loro esperienza diretta su queste realtà devastate, hanno richiesto difatti un intervento ai Comuni del territorio nolano e vesuviano, invitandoli a partecipare ad una raccolta di beni necessari alla popolazione. A raccontarci come è andata è Salvatore Esposito, ideatore dell’iniziativa: «Abbiamo collaborato con la Protezione Civile di Carbonara, Domicella e San Paolo Bel Sito che ha risposto attivamente all’iniziativa. Numerosi sono stati i prodotti pervenuti. – continua – Abbiamo creato dei punti di raccolta e, con l’unione di tutti, è stato possibile portare a questa popolazione un bel quantitativo di beni». La consegna è avvenuta difatti l’altra domenica presso il campo smistamento di Cittareale, a pochi chilometri da Amatrice. I volontari dei tre paesi hanno scaricato e distribuito alle popolazioni terremotate ciò che è stato raccolto. Piccoli angeli che hanno testimoniato e rappresentato una comunità che, con un gran cuore, ha aiutato le genti colpite dal sisma. Braccia e cuori che, al di là delle appartenenze territoriali, si sono unite per aiutare uomini, donne, anziani e bambini senza più un tetto.

Luana Cosenza
Il Pappagallo - Anno XX - Numero 364 - Dicembre 2016 - Pagina 13





Housing Sociale: le precisazioni del sindaco Paradiso

In ordine all’articolo apparso sul vostro giornale, Anno XX, Numero 361, Ottobre 2016, con il seguente Titolo: “Carbonara, battaglia legale per l’Housing Sociale” si ritiene doveroso precisare quanto segue: la Delibera di C. C. 2/2010, per quanto possa presupporre una strategia di rilancio dell’economia, in realtà sembra adombrare qualche dubbio, non fosse altro perché assume le vesti di una vera e propria variante urbanistica, per la quale non risultano essere state adottate le procedure di legge. Se l’attuale compagine politico amministrativa non fosse stata convinta della effettiva ratio sottesa alla delibera di cui sopra, non avrebbe messo in discussione l’operato della precedente amministrazione, né messo a repentaglio il buon uso delle risorse pubbliche. Ciò detto si attende con serenità la decisione del Consiglio di Stato, presso cui la tutela delle ragioni dell’Ente è stata affidata ad un libero professionista, selezionato attraverso un regolare avviso pubblico, conclusosi con un esame comparativo, a seguito dell’accertamento dell’impossibilità oggettiva di utilizzare risorse interne, non essendo costituito un ufficio Avvocatura. 

Dr. Michele Paradiso
Sindaco di Carbonara di Nola

Il Pappagallo - Anno XX - Numero 364 - Dicembre 2016 - Pagina 13

Un pranzo dedicato a tutti gli anziani: padre Elio Londono rinnova l’iniziativa

Over 68 a tavola

Quarto appuntamento con il pranzo degli anziani organizzato da padre Elio Londono e dal cospicuo gruppo di volontari che da tempo, a Carbonara di Nola, dedica interamente questa giornata ai più adulti. Questo sabato, dopo la celebrazione della Santa Messa, il locale sito ai confini della piccola Carbonara, The Right Place, accoglierà per ora di pranzo il gruppo di commensali che parteciperanno all’iniziativa. A raccontarlo al nostro giornale è lo stesso parroco: «il pranzo nasce per poter permettere ai più adulti di passare una giornata diversa. È assolutamente gratuito e riservato ai più grandi a partire dalla classe 1948. Per intenderci dai 68 anni in poi».
L’intero evento nasce grazie anche al generoso contributo degli esercizi commerciali della piccola cittadina che da anni collaborano per la buona riuscita di questa iniziativa e all’instancabile partecipazione dei giovani volontari che si mettono a disposizione per far sì che l’intera giornata possa funzionare. Il pranzo riservato agli anziani, è da tempo ormai uno degli appuntamenti più importanti per la popolazione carbonarese. Un’occasione per riunire sotto lo stesso tetto i veterani della cittadina e fargli passare una giornata in compagnia tra coetanei, risate, musica e buon cibo.

(luana cosenza)
Il Pappagallo - Anno XX - Numero 364 - Dicembre 2016 - Pagina 13